Albione, un mese dopo

Chissà perchè quando mi trasferisco ad Albione sento il bisogno atavico di mettere canzoni Inglesi fino al midollo. Forse perchè quando si è a Roma si fa come i Romani. E quando si è ad Albione si fa come gli Albionici. Look right prima di attraversare e aspetta con ansia il nuovo Royal Baby. Per dare da mangiare ai piccioni ci stiamo attrezzando. Anche ai corvi, a volte.

Cosa dire di questo primo mese e rotti in queste lande? Poco. Molto. Una mezza via.
Di cose da dire ne avrei ma mi chiedo se interesserebbero. Trasferirsi in un altro paese in modo stabile e responsabile (cioè NON prendo tutte le mie cose e mi accampo a casa tua vivendo nella illegalità agli occhi della burocrazia Spagnola, come avevo fatto precedentemente) è un bel piede nel culo. Ci sono un ammasso di enti, uffici e fogli da compilare che aspettano solo te. O che non aspettano te e che fanno di tutto per far sì che accedervi sia impossibile.

Come fare un conto in banca. Consiglio spassionato: fate un mese di yoga e meditazione prima di aprire ogni banca Inglese. Per esempio perchè bisogna prendere un appuntamento con il bacario del vostro cuore per avviare le pratiche ma sarà impossibile prenotarlo. Per esempio, ancora, perchè il programma che tiene in memoria le password dell’online banking ha una forma avanzata di Alzheimer e se le dimentica.

Comunque dopo frillioni di e-mail alla agenzia immobiliare, una minaccia di tagliarmi l’elettricità e finalmente una connessione a internet sono ancora qui. Up and running, più o meno.

In questo mese di wordpress ho letto poco, stellinato meno e commentato niente. Sono in un limbo in cui non ho ancora rivelato alla metà dell’esistenza di questo blog (Voglio farlo, devo farlo. Devo proprio?!) e quindi leggo nei ritagli di tempo e scrivo mai, e comunque non è che avrei avuto tutto questo gran chè da scrivere. La nuova situazione, calma e suburbana, non mi da grandi spunti. E non è che non sono felice o non mi piace qui. Semmai sono più felice adesso, rispetto a quando stavo a Barcellona. Che sì puoi anche abitare a Barcellona, però se sei preso da questa frenesia mentale per il futuro e a star lì seduta davanti al computer, mandando curriculum, ti senti più inutile di un culo senza buco, allora non te la vivi bene. Che tu sia a Barcellona o a Pieve Porto Morone.

Sto mettendo assieme una serie di foto con cose Albioniche che mi fanno scompisciare, chissà se questo progetto mai vedrà la luce.

Ho fatto uno stufato ma temo che sia venuto una schifezza. Se trovo Marco Pierre Whites gli chiedo dove ha trovato il succo di prugne. Al Tesco non c’era e ho ripiegato su uno smoothie prugne e mele. Cuocere la carne con lo smoothie: posso dire di aver fatto anche questa nella vita.

Ho deciso che da adesso è primavera e d’ora in poi solo giacca mezzo peso e basta stivali.

Più tardi faccio una lavatrice, forse.

    • Frou Svedese

      Purtroppo io abito a 6 chilometri di curve dalla vita e Londra la conosco più come turista che altro. Due consigli: 1) anche se c’è la fila il museo della scienza e il museo della scienza e della tecnica valgono la pena; 2) a me piacciono i corsi d’acqua. Lascia perdere il Tamigi, vai sul regent’s canal. Passando sul canale si vede lo zoo dall’esterno, o almeno una parte!
      Enjoy!

  1. smilablomma

    oh mah… sta cosa del conto in banca mi giunge nuovissima! io ho aperto il conto in 10 minuti presentandomi in una filiale a caso di una banca a caso!! 🙂 sarà che a londra è tutto più grande, lungo, bello, caldo e difficile…
    qua al nord è ancora inverno pieno…
    enjoy!

    • Frou Svedese

      Io gli ho fatto la corte per giorni e giorni alle banche e questi mi schifavano mandandomi via perchè non avevano tempo per ricevermi. Così una mattina sono andata davanti alla banca ad orario d’apertura e ho picchettato fino a che non hanno avuto un buco. Un’ansia.
      Comunque non sono a Londra, sono a Cambridge. Che per voi del nord siamo tutti uguali 😉

  2. virginiamanda

    Primavera!? Ahahahahahhahahhahaahahha! (Risata isterica))
    No, comunque sono contenta per te! 😀
    Ma sai che a Pasqua vengo proprio in Inghilterra? A quanto pare la mia famiglia quando dico SUD non capisce “Sud rispetto a loro, quindi Mediterraneo” ma capisce “Sud rispetto a me”, quindi tutto il mondo sotto il 59# parallelo” e per loro sembra che l’Inghilterra sia abbastanza a Sud per me.
    Un abbraccio!

    • Frou Svedese

      A ognuno il suo sud. Se può rincuorare oggi sono stata abbacinata sulla via del lavoro e ho DOVUTO usare gli occhiali da sole. Tu porta il costume, che non si sa mai 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...